E se ‘A Livella fosse stata scritta oggi ad Avellino?

Il caso del centro per l’autismo di Valle è al centro della cronaca cittadina delle ultime settimane.

Da anni nessun politico, o presunto tale, è riuscito a dare ai cittadini e alle cittadine che ne hanno bisogno, una struttura necessaria e indispensabile pagata dai contribuenti.

E se 'A Livella fosse stata scritta oggi ad Avellino?
E se ‘A Livella fosse stata scritta oggi ad Avellino?

La parodia di Totò

Oggi è due novembre e il pensiero non può che non andare alla celebre opera di Totò, “‘A livella“.

Così ho provato a parodizzarla, con rispetto, e farla mia. Ho voluto ambientare la poesia del Principe della risata ad Avellino.

Ho scelto questa città, la mia, piena di disservizi e politici che non si prendono le proprie responsabilità…e il caso del centro per l’autismo è solo l’ultimo esempio.

‘A livella ‘e Avellino

Ogni anno, ad Avellino, c’é l’usanza
di sperare che finiscano i cantieri.
Ognuno l’adda fà sta crianza; 
ognuno 'o tene sempe sto pensier.

Ogni vota, puntualmente, a fine e l'anno, 
incomincia a piove tutti i pomeriggi.
Qua chiunque pigli'a machina, 
perché i bus non ci stann e i treni so miraggi.

Stavota m’é capitata l'ennesima avventura…
pur'oggi so rimasto ind o traffico pe n'ora. 
Maronna, si ce penzo e che rottura:
tra clacson, linee nderra e strisce strane.

‘O fatto è quisto, statemi a senti: 
m'avvicinavo a piazza Castello. 
Piano piano, stavo per uscir
dalla rotonda quando leggo:

“Qui strada bloccata.
Sono in corso i lavori di rifacimento 
di Corso Umberto I". 
Così prendo e mi rigiro.

Dal sogno di una strada bella e sistemata, 
torno indietro ed è di nuovo tutta scassata. 
Tra buche a destra e tombini a sinistra 
pare proprio e sta ngopp 'a na pista.

Proprio continuando verso Valle, 
azzeccati ai marciapiedi e via Colombo, 
vedo i pali della metro e penso:
ma 'a riattiveranno aropp tutte ste tarantelle?

P'evita o traffico 'e Torrette, 
passo pe dereto a scola Agraria...
che pena mi facevino quilli pini,
tutti muorti, senza che nisciuno se ne mporta!

Questa è Avellino! ‘ncapo a me penzavo…
c'è chi comanda e chi nun se ne fotte!
Chissà se sta città se l'aspettava, 
ca pur aropp o covid restava abbandonata?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era rifatta pure qua a fila e traffico,
e io rimanietti chiuso priggioniero: 
n'ata vota tra clacson e allucchi vari.

Avanzo chiano chiano e a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Una grossa struttura blu co' no canciello grigio.
Pensai: stu fatto a me mme pare strano…
ma che è sta cosa abbandonata?

Ato che abbandonata, era ‘o centro pe' l'autismo:                                                          co' 'e porte, 'e finestre e c'o' parcheggio; 
attuorno a isso tutto degradato; 
chien'erbacce e c'a munnezz o lato.

Ma quillo non era araprì tant'anni fa?
Mi chiesi sconsolato.
‘Ind'a sto fatto io non ce veco chiaro:
è pronto e ancora è tutto chiuso?

Potevano ra no servizio mmano a chi tene bisuogno,                                                              e invece tutto 'e botto s'è fermat,
l'adda aprì l'Asl o no privato?

Mo' da voi vorrei saper, cari signori, 
con qual coraggio e come avete osato
di non aprir ancor questa struttura.

Gli accordi so accordi e van sì rispettati, 
ma voi perdeste il senso e la misura. 
Per dei litigi, i diritti li avete calpestati 
e mo quel centro è abbandonato, e attorno c'è solo spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
questa vergognosa situazione.
È il caso quindi che vi attiviate
per trovar subito una soluzione.

Signori miei, nun è colpa loro.
Non ve l'avrebbero mai chiesto o' centro
se non ne avessero avuto bisogno.
È possibile che adda resta sulo no sogno?

Si fossi io 'o Prefetto subito lo attiverei:
riunisse l'Asl e 'o Comune, 
chiuresse a stanza e non e facesse escì, 
fino a che non trovino 'na soluzione.

E cosa aspettate, oh benedetti politici,
che la pazienza dei cittadini si esaurisca del tutto?
Se fossi stato io uno di loro
a tutti i tg avesse già chiamato.

Fatemi vedé come sapiti fa i politici…
‘A verità è che tengo vint anni e già me so’ scucciato
‘e senti promesse, su promesse
e mai niente e realizzato.

Ma che pensate r’esse…nu ddio?
Qua tutti quanti simmo uguali.
Cittadini simmo nui e cittadini siti vui;
ognuno comm a 'n'ato é tale e quale”.

Signor politico!…come ti permetti
a levar a 'sta gente i diritti,
eppure so vent'anni che governi.
Tu c'a fascia tricolore 
'e promesse, addo le metti?

Qua’ 'a Natale, a Pasca e 'a l'Eppifania
e parole so semp'e stesse.
T'o vuo' mette ‘ngapo che s'adda cagna' Avellino?
Che a gente è stanca e ave bisuogno e servizi? 
‘A vita ‘o ssaje che re?…è 'na livella.

'No sindaco, 'no consigliere, 'no politico...
arrivanno ngopp o comune, alla città hanno fatto 'e promesse.
Pensati che co 'na festa e 'no sorriso,
aviti chiuso o cunto?

Perciò, statem' a sentì…nun faciti i stordi,
mettitivi d'accordo e arapriti quillo centro.
Ste ppagliacciate ‘e ffanno sul'i pacci:
Facimmo i seri…araprimmo quelle porte!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *